Tel: 0039 06 99 63243 | Mail: info@aqueducthunter.com



Una Chiesa Medievale Piuttosto Misteriosa


Questo sito web mostra un’emozionante scoperta fatta nella zona nord-occidentale di Roma, dove abbiamo trovato un luogo di straordinaria importanza archeologica, ma che possiede anche un grande significato nel campo dell’ingegneria.

Nell’estate del 2008 stavamo cercando la sorgente e il percorso dell’“Aqua Alsietina” nei pressi del Lago di Martignano e del Lago di Bracciano a nord di Roma. Lì, un consigliere dell’Ente Parco di zona ci disse che avremmo dovuto esaminare le rovine di una chiesa connessa a un acquedotto, e con il patrocinio del sindaco del posto, abbiamo visitato la chiesa e abbiamo scoperto che sotto di essa vi erano stanze con grotte e gallerie naturali. Purtroppo però durante la nostra prima visita non potemmo accedere a questi canali poiché non vi erano scale per scendere.

Il bacino vulcanico del Lago di Bracciano, come molte zone montuose nei dintorni di Roma deriva da acqua fresca di sorgente, che sin dai tempi antichi è stata utilizzata e trasportata in luoghi diversi. Non tutte queste fonti però conservano prove di ingegneria romana. Durante la nostra prima visita ci dissero che Santa Fiora era collegata ad un acquedotto medievale, o comunque ad una galleria naturale, ma dopo ore di ricerca presso la Biblioteca di Archeologia e Storia dell’Arte, l’Accademia Americana e la British School di Roma abbiamo avuto la conferma che la verità era piuttosto diversa.

Nell’estate 2009, dopo importanti ricerche, abbiamo ottenuto per la seconda volta l’accesso a questo sito a ovest del Lago di Bracciano. In questa occasione, però, vi era una lunga scala che raggiungeva esattamente in profondità le camere sotterranee.


Bringing the long ladder to Santa Fiora

Sapevamo già che Thomas Ashby ed Esther Van Deman credevano che il percorso dell’Acquedotto Traiano seguisse il Fosso di Fiora vicino la chiesa. Tuttavia sembrava che Ashby e Van Deman non fossero al corrente del fatto che Carlo Fea, Luigi Bernini e Carlo Fontana avevano dichiarato che l’origine dell’acquedotto si trovava proprio sotto la chiesa.


Descending through the bushes down the side of the Fiora Chapel

Nel corso del 2009 ottenemmo l’accesso alla chiesa svariate volte, anche se ora questa era nascosta da una fitta vegetazione. Portammo le nostre luci ad alta potenza, attrezzature di sicurezza, una TV Camera ad alta definizione e la strumentazione per le riprese, e dopo aver cercato tra le sterpaglie, scoprimmo che la chiesa possedeva una sorgente d’acqua, ormai asciutta, e una rete di tunnel di cui filmammo la struttura, in modo da poter documentare la nostra ricerca.

Abbiamo così dimostrato che sotto la chiesa si nascondeva quella che una volta era la fonte più copiosa e importante tra i capolavori idrici dell’Imperatore Traiano, l’Aqua Traiana.


The Principal Chamber of the Aqua Traiana

Ciò che avevamo scoperto, era la struttura di un Ninfeo risalente al periodo dell’Impero Romano, costruito al fianco di una collina che era rimasta nascosta e ignorata dagli studiosi durante il ventesimo secolo. Un antico santuario pagano, successivamente trasformato in una chiesa cristiana, chiamata Santa Fiora, conteneva così al suo interno caratteristiche sia religiose che idrauliche, ed era chiaramente stata costruita con mattoni e cemento di epoca romana. Al di sotto del livello del suolo attuale, ci sono canali di raccolta per l’acqua e un centinaio di metri di un condotto d’acqua attraversabile che scende dalla camera di raccolta.

Le nostre fonti storiche indicano senza dubbi che le sorgenti acquifere intorno e sotto la chiesa di Santa Fiora comprendevano una delle più importanti forniture d’acqua per la Roma antica.

Tradotto da Eleonora Martocchia


Pagina seguente: L’ Aqua Traiana a Roma...

|< « 1 | 2 | 3 » >|

Next Page (2)


  • L’anno 109 fu un anno grandioso per l’imperatore Traiano Egli inaugurò tre opere pubbliche in stretta successione tra loro: il complesso monumentale delle terme vicino al Colosseo, la “Naumachia”, l’anfiteatro in cui vi era immissione di acqua, nei pressi del Vaticano, e forse l’opera più importante per la salute del suo popolo, l’Aqua Traiana , il grande acquedotto che fu la prima e unica fonte di rifornimento di acqua pulita proveniente dalla parte occidentale del fiume Tevere.

    Le Terme e l’Anfiteatro (luogo in cui i romani amavano ricostruire le battaglie navali come intrattenimento per la popolazione) avevano entrambi bisogno di un buon rifornimento d’acqua, e forse questo avrebbe giustificato la costruzione del nuovo acquedotto...

    Leggi avanti »

  • Social Networking

  • Aqua Traiana Coin

    Map of Leonardo Buffalini 1551

    In classical times, coins were minted as a type of news release to publicise important achievements of the Emperor. Trajan produced coins to commemorate many important public works.

  • A Researcher's Paradise


  • The Hunters